Live report: Behemoth

Zona Roveri, Bologna, 14 aprile 2015


I Behemoth nascono nel 1991 come gruppo black metal. In un periodo in cui la scena black è dominata quasi esclusivamente da band scandinave, il gruppo riesce a trovare un buon numero di fan prima in patria e poi in tutta Europa.
Nel 1995 esce il loro primo album, Sventevith; pochi anni dopo, attraverso la fusione di black e death e con l'uscita dell'album Satanica, creano un genere che li contraddistingue e li trasforma in una band inconfondibile.


Behemoth live


Accompagnato da un paio di amici con le orecchie squagliate da anni di ascolto di generi estremi ci dirigiamo verso il concerto. Arrivati davanti al locale Zona Roveri, situato in una zona industriale esteticamente poco interessante ma con il vantaggio di un comodo parcheggio, ci dirigiamo verso l'entrata per fare la tessera arci. Qui pensavo di trovare giÓ una buona schiera di adepti del reverendo Nergal ma forse uno dei motivi che ha abbassato le presenze è che i biglietti di questa data sono stati messi in vendita molto in ritardo rispetto alle altre due date italiane che avevano aperto le prevendite giÓ a dicembre.
The Satanist tour parte 2 è stata una bella sorpresa per il pubblico italiano, che solo l'anno scorso aveva visto la prima parte del tour, prolungatosi per l'uscita dell'ep Xiadtz.


Behemoth live


Dopo pochi minuti aprono i cancelli: lo Zona Roveri è giÓ trepidante per l'esibizione della band polacca.
Aprono la serata gli italiani Sulfur, di Firenze, che suonano un buon black death.
Cambio palco ed è il momento dei Thaw, giovane band slovena che unisce doom, elettronica e parti che sfociano in un noise estremo, veramente gradevoli ma forse da prendere a piccole dosi.
A seguire gli svizzeri Bolzer, duo di Zurigo, solo batteria e chitarra, che scaldano il pubblico con un classico black/death, potenti, anche se la mancanza del basso secondo me si fa sentire troppo.


Behemoth live


Sono le 22:40: si abbassano le luci e inizia a sentirsi in sottofondo l'intro di coltelli che si affilano, partono le note di Blow your trumpets Gabriel, il basso incalza e i timpani risuonano come provenissero dalle profonditÓ dell'Inferno, di nome e di fatto.
Dal buio del palco spunta Nergal: ha tra le mani due fiaccole infuocate, lancia al pubblico il suo sguardo inquietante e fa partire il rituale.


Behemoth live


Tutto il concerto è un susseguirsi di atmosfere lente e oscure, arpeggi distorti sostenuti da tappeti di doppia cassa con un fraseggio di un ride tutto ping che ti buca il cervello, alternati da ritmiche black metal puro, tempi blast al limite delle possibilitÓ umane. Il chaos ordinato della bestia ippopotamo (Behemoth) è esaltato dalla teatralitÓ che i 4 mettono in scena: maschere, turiboli, sangue (finto) fanno da contorno ad un'esecuzione musicale impeccabile e precisa che rende la bandáuno dei capisaldi del genere da oltre 20 anni.


Behemoth live


La scaletta inizia con due pezzi dell'album The Satanist, la giÓ nominata Blow your trumpets Gabriel e Ora pro nobis Lucifer, continuando con i i classici Conquer all e Decade ov therionMesse noire, che è un esempio di drumming con l'utilizzo deláride a due mani, poi la bellissima Ben Sahar, As above so below e una selezione di canzoni dall'oltre decina di album della band.
In tutto circa 13 pezzi eseguiti senza interruzioni, in un continuo ruotare di teste e corse sul palco, per finire con Chant for Eschanton, dove il pubblico canta il potente e melodico ritornello di chitarra.
Sembra tutto finito ma il gruppo torna sul palco per concludere con O father o satan o sun, finendo lo show con le immancabili maschere dalle lunghissime corna che si nascondono tra i fumi del palco.


Behemoth live


Un'ora e 15 minuti di spettacolo fenomenale.
Unica controindicazione: dopo aver visto un concerto dei Behemoth, vi potrebbe capitare di svegliarvi durante la notte e incominciare a parlare al contrario...

.ottel imreva rep ittut a eizarG


Live report di Mr. Tagliatella